Daniela Martani contro il Palio di Siena: “Una barbarie che si spaccia per tradizione”

L’attivista e ambientalista ha sparato a zero sulla follia in scena a Piazza del Campo, poi il ricordo del periodo anti-Covid e la candidatura a Mediaset

Pietro Guerrini

Pietro Guerrini

Content editor

Laurea in Lettere, smania di viaggi e passione per i cartoni (della pizza e della Pixar).

Daniela Martani non ci sta e scende in campo in prima persona contro il Palio di Siena. L’attivista e ambientalista ex-pasionaria di Alitalia si è infatti raccontata in una lunga intervista a Mowmag, in cui ha avuto modo di trattare un argomento scottante ogni anno in questo periodo come il discussissimo Palio di Siena e non solo. Daniela Martani ha ricordato anche le difficoltà del suo periodo ostinatamente anti-Covid e si è addirittura candidata per un ritorno in tv, definendosi perfetta per la nuova linea editoriale anti-trash imposta da Pier Silvio Berlusconi per le reti Mediaset, ma anche per raggiungere Francesca Fagnani a Belve. Scopriamo cosa ha detto.

Daniela Martani contro il Palio di Siena

Daniela Martani ha approfittato della lunga intervista concessa a Mowmag per spendere parole importanti sul Palio di Siena e schierarsi apertamente contro. L’ex-pasionaria di Alitalia, da sempre in prima linea su temi centrali del nostro tempo come animalismo e ambientalismo, non ha infatti usato mezzi termini, condannando il Palio: "Basti pensare che negli ultimi anni sono morti 74 cavalli (…) Per non parlare di quelli dopati allo stremo (…) Si spaccia per ‘tradizione’ ciò che in realtà è violenza. Uguale alla Corrida: una barbarie da trogloditi, nient’altro". Al di là della "tradizione", però, Daniela Martani non nasconde di essere a conoscenza di ciò che alimenta il triste spettacolo in scena ogni anno a Piazza del Campo: "Il motivo per cui ancora si fa è l’immenso giro di soldi che c’è dietro. Non prendiamoci in giro con la balla della ‘tradizione’, della ‘storia’".

Infine, una frecciata diretta alla politica ("Facciamo correre i politici") e, ovviamente, a Daniela Santanché: la ministra indagato per lo scandalo Visibilia era infatti presente al Palio (definendolo pure "Un evento cruciale"): "Trovo scandaloso che Santanché non si sia dimessa all’istante. Non lo dico io, eh. È indagata da mesi per falso in bilancio e bancarotta. Notizia riportata su tutte le principali testate italiane, mica me la sto inventando. Sto solo ribadendo un dato di fatto"

Il periodo anti-Covid e il ritorno in tv

Nel corso dell’intervista Daniela Martani è tornata anche sul suo periodo anti-Covid, che le è costato il posto in televisione. Ex concorrente di vari reality, Daniela non ha escluso però un ritorno ("Non solo vorrei, ci tornerò anche"), candidandosi anche apertamente al Grande Fratello: "Sarei perfetta per la nuova linea editoriale che Pier Silvio Berlusconi ha imposto a Mediaset, contro il trash. Io parteciperei ai programmi, anche al Grande Fratello, per portare temi forti". La sua vita privata, invece, verrebbe raccontata solo a Belve, da Francesca Fagnani.


Potrebbe interessarti anche