Chiara Ferragni, chi è la mamma Marina Di Guardo: il ruolo nuovo (da regina) nell’impero-social e il divorzio complicato

La Di Guardo entra ufficialmente, con una posizione di peso, nell'impero delle figlia. Dopo la separazione dal marito, e i romanzi thriller, sarà imprenditrice.

Tommaso Pietrangelo

Tommaso Pietrangelo

Giornalista

Autore, giornalista, cantautore. Laureato in Letterature Straniere, è appassionato di cinema, poesia e Shakespeare. Scrive canzoni e ama i gatti.

Chiara Ferragni ha una madre. Esatto. Anche la regina delle influencer, che pure vive al di sopra degli standard di molti, quasi su un altro pianeta, ha una mamma che le vuole bene e che tra l’altro, ora, lavorerà a stretto contatto con lei. Si chiama Marina Di Guardo, ha origini siciliane e assomiglia parecchio alla figlia fashion blogger. Popolarissima sui social, con qualche libro thriller all’attivo, la Di Guardo ha divorziato da tempo con il padre di Chiara. Adesso diventerà pure il braccio destro della figlia, nel suo impero commerciale che oscilla e traballa (colpa soprattutto del Pandoro). Vediamo qui sotto tutti i dettagli e le curiosità.

Chiara Ferragni, la mamma Marina entra in società

Proprio così. La notizia fresca è che Marina Di Guardo, madre dell’imprenditrice social Chiara Ferragni, da adesso farà parte (con un ruolo parecchio rilevante) dell’impero della figlia. Si annunciano infatti cambiamenti societari massicci, forse per arginare le perdite derivate dallo scandalo del Pandoro-Gate. Lo storico collaboratore di Chiara, Fabio Damato, dovrebbe fare le valigie a breve. E il Corriere della Sera, nella sezione Economia e Finanza, aggiunge anche un dettaglio importante sulla mamma, appunto.

Si parla dell’ingresso di Marina Di Guardo nella gestione della holding Sisterhood, cui fa capo il patrimonio immane di Chiara. Quindi gli immobili, le società Tbs e Fenice, e compagnia bella. La Di Guardo, pare, riceverà deleghe di prima importanza – più o meno le stesse che finora spettavano all’uscente Damato – cioè potrà "assumere e licenziare personale, sottoscrivere e revocare contratti di qualsiasi tipo, aprire e chiudere fidi, operare sui conti bancari, rappresentare la società in giudizio e presso una serie di enti pubblici, nominare avvocati, svolgere qualsiasi pratica fiscale".

Insomma, un bel pacchetto di poteri, quello che ora la Ferragni mette in mano a sua madre. Ma Marina, non certo di professione imprenditrice, saprà farne buon uso?

Chi è Marina Di Guardo, dal divorzio all’impero

Marina Di Guardo, mamma dell’influencer Chiara Ferragni, nasce a Novara nel 1961. Viene dalla Sicilia, come origini, e presto si innamora di Marco Ferragni, che le darà tre figlie: Chiara, Francesca e Valentina. Il matrimonio non funziona benissimo, in realtà, ma Marina supporta la figlia influencer nella sua irresistibile ascesa, e nel frattempo si lancia come scrittrice di thriller. Tra le sue opere più note, il romanzo "Com’è giusto che sia", basato sullo scandalo del produttore Harvey Weinstein, ma anche i più recenti "Dress code rosso sangue" (2021) e "Quello che ti nascondevo" (2023).

Quando arriva il divorzio, tra Marina e Marco, Chiara ha solo 15 anni. Però non si fanno drammi. La famiglia resta unita. Al primo posto, davanti a tutto. "La mia unica preoccupazione è che le mie bambine siano serene e felici", diceva non molto tempo fa la Di Guardo, "non ho mai dato troppo valore al denaro. Non è quello che darà la felicità. Però mi rassicura il fatto che tutte e tre abbiano scelto professioni che non le espongono al rischio di essere assoggettate o di incorrere in molestatori, uomini o donne che siano. Ho insegnato loro che il bene più grande è la libertà".

Mamma Marina, a detta di Chiara, è stata la principale "fonte di ispirazione" della sua vita. L’ha supportata, nel bene e nel male, sempre. Ora che Chiara ha ancora più bisogno di lei, diventerà il suo braccio destro sul lavoro. Ancora più vicina alla figlia che tanto ama. Per consigliarla e guidarla. Sperando che l’impero Ferragni regga alla prova (inclemente) del tempo.


Potrebbe interessarti anche