Rocco Schiavone passa a Rai 1, ma Marco Giallini non gradisce

I nuovi palinsesti Rai hanno confermato lo spostamento della fiction sul primo canale e il protagonista non è d’accordo: “Non la trovo una scelta giusta”

Rocco Schiavone
Fonte: Ufficio Stampa Rai

Il passaggio di Rocco Schiavone da Rai 2 a Rai 1 – annunciato ieri alla presentazione dei nuovi palinsesti Rai 2022-23 – è stato interpretato da molti come una "promozione", ma non tutti sono si sono trovati con la decisione. A far scattare la polemica è stato infatti nientemeno che Marco Giallini, il protagonista della fiction, che ha commentato la scelta dei vertici Rai "non giusta" per il proseguo della serie, che quest’anno arriverà alla sua quinta stagione.

Libero Magazine è anche su Twitter
Iscriviti gratis per tutte le ultime news su TV e spettacoli

Rocco Schiavone su Rai 1, parla Marco Giallini

"Rocco Schiavone su Rai1? Non la trovo una scelta giusta, è sempre stata una serie trasgressiva e non so quanto possa piacere al pubblico di quella rete. E poi Rai 1 non la vedo mai, le cose che fanno non mi fanno impazzire. […] È la serie più seguita di sempre dai giovani diplomati e laureati, ma ho fiducia che alla fine, come è già accaduto, mi continueranno a seguire in piattaforma. Ma i giovani comunque la vedranno su Amazon, la sera escono e vivono, non si piazzano davanti alla tv."

Marco Giallini, protagonista di Rocco Schiavone nei panni dell’omonimo vicequestore di Polizia, ha criticato senza troppi mezzi termini la decisione della Rai di spostare la fiction dal secondo al primo canale del palinsesto. L’attore non ha visto in questa scelta una promozione, bensì un rischio enorme per la serie, che con i suoi toni trasgressivi e le atmosfere noir potrebbe confondere il pubblico di Rai 1, il quale è meno giovane e inoltre – come aggiunge Giannini – "non ha il background della storia" e rischia di faticare nell’accoglierla.

La notizia ha indubbiamente colto tutti di sorpresa (non era attesa né da Giallini né dal pubblico) e ha fatto storcere il naso a molti; la speranza è che possa rivelarsi una scelta azzeccata, dal momento che può contare su precedenti importanti. Basti pensare a Il Commissario Montalbano: il personaggio nato dalla penna di Andrea Camilleri iniziò la sua avventura televisiva proprio su Rai 2, per poi essere spostato su Rai 1 e diventare la più importante fiction italiana.


Potrebbe interessarti anche

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963