Barbara D’Urso è rimasta senza alleati a Mediaset: perché e cosa farà

Con la morte di Silvio Berlusconi qualcosa è cambiato e forse cambierà ancora. La conduttrice potrebbe non essere più così desiderata. Ecco il motivo.

Debora Manzoli

Debora Manzoli

Scrittrice ed editor

Scrittrice, copywriter, editor e pubblicista mantovana, laureata in Lettere, Cinema e Tv. Ha due libri all’attivo e ama la scrittura alla follia.

Per molto tempo Barbara D’Urso è stata tra le grandi protagoniste di Mediaset con ascolti stratosferici a fronte di un budget minimo, un vero tesoro per la rete. Poi qualcosa è lentamente cambiato e da quattro programmi condotti contemporaneamente è passata a uno e, ora, dopo l’addio a Berlusconi, il suo stesso posto potrebbe essere a rischio.

Secondo Silvio la D’Urso era "la più brava", e ora?

A far pensare che "Carmelita" in questo momento possa sentirsi molto insicura della sua posizione a Mediaset dopo la morte di Berlusconi, sono proprio le parole che lei stessa ha detto alle telecamere dopo la cerimonia. Durante il racconto di un aneddoto, la D’Urso ha voluto sottolineare quanto Berlusconi la considerasse "la più brava", parole certamente non di cordoglio ma che sono apparse quasi come un modo per convincere tutti della sua importanza. E, di conseguenza, dell’importanza di tenerla esattamente dov’è.

D’Urso trattata come una delle tante, smacco per la regina di Mediaset

Ad aggiungere carne al fuoco ci sono però tanti altri indizi che lasciano pensare a un futuro incerto per la conduttrice. In primis, la battaglia anti trash che sta conducendo Piersilvio Berlusconi nella rete e che, dopo aver già messo molti paletti in diversi programmi, potrebbe apportare grossi cambiamenti anche a Pomeriggio 5, dove il trash è di casa.

Ma non è tutto, tra gli indizi anche il siparietto andato in onda su Canale 5 durante lo speciale del TG5 su Silvio Berlusconi, durante il quale Del Debbio ha congedato la D’Urso dopo averla intervistata con queste parole: "Appena si passa al servizio, sei autorizzata a piangere quanto vuoi, visto che l’hai trattenuto per tutta l’intervista". Parole che sono apparse subito come una presa in giro, tanto da lasciare la stessa D’Urso di stucco.

Il futuro (in bilico) di "Carmelita"

Ad aggiungersi a questo, nonostante il rapporto speciale con il Cavaliere da lei più volte sottolineato, Barbara non ha certo ricevuto un trattamento speciale nemmeno al funerale. La conduttrice si è dovuta accontentare di un posto in seconda fila e di una sola misera inquadratura delle telecamere del "Biscione", mentre ad altri partecipanti del mondo dello spettacolo è stata data molta più attenzione.

La verità è che Silvio Berlusconi era ormai tra i pochi (se non l’unico) a difendere Barbara D’Urso e ad avere, sempre a detta della conduttrice, solo parole benevole per lei. Ora che lui è venuto mancare, il suo futuro in azienda rischia di essere molto meno saldo e se Piersilvio dovesse decidere alla fine di mantenere comunque la sua posizione, sicuramente limiterà non poco le libertà che la regina di Mediaset ha potuto prendersi fino ad ora.


Guida TV

Potrebbe interessarti anche