Ossi di Seppia: su RaiPlay la rivolta dei No Tav della Val di Susa

Nel 2005 migliaia di cittadini della valle piemontese si uniscono in una lunga serie di proteste contro la costruzione della linea ferroviaria Torino-Lione.

Mercoledì 7 dicembre arriva su RaiPlay un nuovo episodio di Ossi di Seppia – Quello che ricordiamo. La docu-serie racconta, di settimana in settimana, tutti quegli eventi che in un modo o nell’altro hanno segnato in modo indelebile la storia dell’Italia e del mondo: dalle più grandi scoperte scientifiche ai casi di cronaca, dai movimenti sociali alle imprese sportive. Questa nuova puntata, l’ultima della stagione 2022, ha al centro le proteste sorte nei primi Anni Duemila contro la costruzione della linea ad alta velocità nella Val di Susa. Voce narrante di questo episodio è lo scrittore Christian Raimo, più volte schieratosi apertamente contro la Tav.

Libero Magazine è anche su Twitter
Iscriviti gratis per tutte le ultime news su TV e spettacoli

Le proteste dei No Tav

L’episodio di Ossi di Seppia, intitolato Val di Susa, la valle ribelle, racconta il movimento nato alla fine degli Anni ’90 e culminato nel 2005 con una lunga serie di proteste da parte dei cittadini della valle piemontese. Il motivo principale è l’intenzione delle autorità pubbliche di costruire la nuova linea ferroviaria Torino-Lione: gli oppositori di schierano apertamente contro questo progetto, considerando inadeguato lo sfruttamento delle risorse e del denaro pubblico, oltre che un enorme danno all’ambiente. È proprio nel 2005 che il movimento, chiamato No Tav, raggiunge i massimi livelli: viene creata una lista civica per le elezioni politiche e un’assemblea permanente con sede a Bussoleno, e i cittadini che aderiscono alle proteste continuano ad aumentare, arrivando addirittura a 50mila durante la famosa marcia da Bussoleno a Susa.

In più, nello stesso anno vengono organizzati tre presidi permanenti nelle località di Bruzolo, Borgone Susa e Venaus, tra i luoghi da cui i lavori per la Tav sarebbero iniziati. Nell’ottobre 2005 le autorità dispongono l’inizio delle perforazioni, ma l’opposizione dei No Tav è talmente forte da richiedere l’intervento delle forze dell’ordine: queste ultime arrivano a fare irruzione a Venaus per porre fine all’occupazione dei protestanti. Un episodio chiave, quest’ultimo, per la storia del movimento: i NoTav invadono i cantieri, bloccando così l’inizio dei lavori e ottenendo un tavolo di confronto con il Governo italiano.

Quando e dove vedere Ossi di Seppia

Val di Susa, la valle ribelle, episodio numero 13 della nuova edizione di Ossi di Seppia, è disponibile a partire da mercoledì 7 dicembre sulla piattaforma streaming RaiPlay.


Potrebbe interessarti anche

© Italiaonline S.p.A. 2023Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963