Insegno, parla il manager: “Pressioni per Liorni a L’Eredità”. Per Pino ipotesi Reazione a Catena

Il conduttore e il suo manager Diego Righini parleranno oggi in un incontro con i vertici Rai: “C’è un contratto già firmato, verremo pagati ugualmente”

Pietro Guerrini

Pietro Guerrini

Content editor

Laurea in Lettere, smania di viaggi e passione per i cartoni (della pizza e della Pixar).

Porte girevoli a L’Eredità. Pino Insegno, erede designato di Flavio Insinna al timone del programma e volto simbolo della nuova Rai meloniana, non sarà il nuovo conduttore. Banijay ha infatti posto il veto dopo il clamoroso flop de Il mercante in fiera su Rai 2 che, secondo la società di produzione del game show, avrebbe messo a repentaglio una delle trasmissioni di punta di Rai 1. Il manager di Pino Insegno, Diego Righini, ha subito smentito le voci, dichiarando di non essere a conoscenza di alcun veto né di aver ricevuto comunicazioni dalla Rai. Righini, tuttavia, ha poi svelato a Tag24 che oggi sarà il giorno della verità: il manager ha infatti appuntamento oggi con i vertici della tv di Stato per chiarire una volta per tutte la situazione. Dietro le pressioni, inoltre, ci sarebbe il nome di Lucio Presta, che avrebbe messo gli occhi su L’Eredità come prossimo impegno televisivo per il suo assistito Marco Liorni. Scopriamo cosa ha detto.

Pino Insegno fuori da L’Eredità: oggi l’incontro decisivo

"Oggi ho appuntamento con il direttore e vedremo cosa accadrà, ribadisco che Pino Insegno ha un contratto firmato". Dopo aver smentito categoricamente le voci su un possibile allontanamento di Pino Insegno da L’Eredità, Diego Righini si è aperto così ai microfoni di Tag24, spiegando che la situazione verrà chiarita in giornata. Insegno doveva prendere il timone del game show di punta di Rai 1 ma, dopo il flop de Il mercante in fiera, la società di produzione Banijay avrebbe chiesto un avvicendamento alla conduzione. Righini ha ammesso per la prima volta come questo scenario sia una possibilità concreta: "Noi verremmo pagati ugualmente. Probabilmente ci verrà offerto qualcos’altro". Per il futuro de L’Eredità, tuttavia, sembra essere tramontata anche l’ipotesi di un ritorno di Flavio Insinna, storico conduttore del programma dal 2015; secondo Righini, infatti, Lucio Presta starebbe pressando la Rai per "collocare" Marco Liorni dopo il suo impegno a Reazione a catena.

Lucio Presta e le pressioni per Marco Liorni

"Abbiamo una fonte ed il vero problema che hanno in Rai è trovare una collocazione per Marco Liorni. Stanno ricevendo pressioni forti da Lucio Presta per permettere a lui di fare L’Eredità, cedendo poi a lui (Insegno, ndr) Reazione a catena" ha dichiarato il manager di Pino Insegno, Diego Righini. Secondo questo retroscena rivelato a Tag24, dunque, l’agente Lucio Presta sarebbe al lavoro per aiutare uno degli assistiti della sua potentissima scuderia a ottenere il game show di punta di Rai 1, come sottolineato da Righini: "Stanno mascherando questa verità dietro gli attacchi fatti a Pino per il suo legame con il Presidente del Consiglio".


Guida TV

Potrebbe interessarti anche