Addio a Marcello Marziali, iconico detective vecchietto de "I Delitti del Barlume"

Morto a 84 anni l'attore apprezzato per la nota serie tv nel ruolo di Gino Rimediotti, in lutto il mondo del cinema e il vernacolo livornese


Virginia Destefano

Virginia Destefano

Social Media Manager & Copywriter

Una passione smisurata per le serie TV. Laurea in Cinema, Televisione e New Media, videomaking e scrittura sono il mio passatempo preferito.

Marcello Marziali
Fonte: Mediaset Infinity

Questa mattina, venerdì 1 dicembre 2023, è scomparso Marcello Marziali, celebre attore noto grazie al personaggio di "Gino" ne I Delitti del Barlume, la serie trasmessa da Sky e ispirata ai libri dello scrittore Marco Malvaldi. Marziali è morto all’età di 84 anni nella sua casa di Livorno, la sua città natale dove è stato apprezzato anche come attore teatrale in vernacolo.

Addio Marcello Marziali, alias Gino Rimediotti ne I Delitti del Barlume

Marcello Marziali, originario di Livorno, ha conquistato il pubblico grazie al suo talento innato nel vernacolo livornese. La sua lunga carriera nel teatro ha trovato il culmine negli ultimi anni con la partecipazione alla serie televisiva di successo I Delitti del Barlume. Il suo personaggio, Gino Rimediotti, ha divertito e conquistato il pubblico con la sua saggezza e il suo umorismo unici. Marziali ha dimostrato un’abilità straordinaria nel portare una ventata di autenticità nelle case degli spettatori.

Tra le sue molte esperienze teatrali, spicca la collaborazione con la compagnia di Giuseppe Pancaccini, un periodo che ha segnato profondamente il suo percorso artistico. La sua presenza sul palcoscenico, arricchita da decine di rappresentazioni, ha contribuito a plasmare il panorama culturale livornese.

Oltre al successo nei Delitti del Barlume, Marcello Marziali ha lasciato il segno in altre importanti produzioni cinematografiche. Tra queste, si annovera la sua partecipazione al film Pinocchio di Roberto Benigni. La sua versatilità e la capacità di incarnare personaggi distinti gli hanno garantito un ruolo di rilievo nel panorama cinematografico italiano. La sua carriera, iniziata con la passione per il vernacolo livornese, si è estesa a nuovi orizzonti, contribuendo a consolidare il suo status di attore poliedrico e amato dal pubblico.

Vita privata e lascito familiare

Al di là dei riflettori, Marcello Marziali era un uomo con una vita privata ricca di affetto e legami familiari. Lascia la moglie Giovanna e le figlie Cristina e Silvia, che ora piangono la sua perdita insieme al resto della famiglia. Il sindaco di Livorno, Luca Salvetti, ha espresso il cordoglio della città, definendo la scomparsa di Marziali "una grave perdita per Livorno". La sua presenza discreta ma impattante nella comunità livornese e la sua dedizione alla famiglia sono tratti che resteranno indelebili nella memoria di chi lo ha conosciuto.

Marcello Marziali ha saputo unire la passione per il vernacolo livornese alla sua brillante carriera artistica, regalando al pubblico momenti indimenticabili. La sua eredità artistica continuerà a vivere attraverso le risate che ha suscitato e l’impatto positivo che ha avuto sulla cultura cinematografica e televisiva nel suo complesso.


Potrebbe interessarti anche