Chi l'ha visto?: la scomparsa di un accumulatore seriale

Non sarebbe mercoledì senza un nuovo appuntamento con Chi l’ha visto?, la storica trasmissione di servizio di Rai 3 che si occupa di casi di persone scomparse. Nella prima serata dell’8 marzo Federica Sciarelli torna ad accompagnarci alla scoperta di nuovi sviluppi su alcune importanti inchieste, con l’intervento di inviati, testimoni o parenti delle vittime. Scopriamo dunque tutti i casi di questa sera.

Chi l’ha visto?, il caso dell’accumulatore seriale scomparso

La prima inchiesta di questa nuova puntata di Chi l’ha visto? è quella che riguarda Raffaele Lioce. Ottant’anni, impiegato delle Poste Italiane in pensione, l’uomo è misteriosamente scomparso dalla sua abitazione a Foggia da ormai diversi mesi. Come raccontato da Federica Sciarelli nella scorsa puntata, la casa dell’uomo è stata ritrovata in condizioni disastrose: Lioce è un accumulatore seriale, e l’intera abitazione è colma di oggetti. Ma non solo: a preoccupare sono infatti le condizioni igieniche della casa, ormai invasa dai topi e dagli insetti, tanto che i condomini hanno dovuto sigillare l’appartamento per evitare che gli animali arrivassero anche nelle loro case. Nella puntata di questa sera, la conduttrice mostra le immagini dell’appartamento, ora sotto sequestro per le indagini sulla scomparsa dell’uomo. Si continua infatti a non avere nessuna notizia di Raffaele Lioce, che non risulta ricoverato negli ospedali della zona né è stato visto da nessun’altra parte.

Le altre inchieste

Nella giornata internazionale della donna, Chi l’ha visto? si occupa poi di due casi che hanno purtroppo come vittime due donne, la cui scomparsa è stata più volte raccontata dal programma. La prima è Marzia Capezzuti: la giovane donna era partita da Milano per trasferirsi a Pontecagnano con la famiglia del compagno (morto nel 2019), per poi scomparire misteriosamente ed essere infine ritrovata senza vita in un casolare. Dopo il ritrovamento del corpo, gli inquirenti hanno messo sotto accusa l’intera famiglia del compagno, indagata per omicidio. Il secondo caso è invece quello di Liliana Resinovich, la donna di Trieste ritrovata morta in un bosco dopo circa20 giorni dalla sua misteriosa scomparsa. La Procura ha chiesto l’archiviazione del caso, ritenuto un suicidio, ma i parenti della vittima, e in particolare il fratello, non sono disposti ad accettare questa ipotesi. Federica Sciarelli torna sul caso mostrando documenti e testimonianze inedite.


Potrebbe interessarti anche