C’è Posta per Te, Doc Luca Argentero all’infermiera: “Non riuscirei mai a fare il tuo lavoro”

Le storie più belle e quelle più discusse della puntata di sabato 27 gennaio del people show di Canale 5 condotto da Maria De Filippi

Valentina Di Nino

Valentina Di Nino

Giornalista

Romana, laurea in Scienze Politiche, giornalista per caso. Ho scritto per quotidiani, settimanali, siti e agenzie, prevalentemente di cronaca e spettacoli.

Un’altra lunga serata di emozioni, confronti famigliari, liti, dolori, dissidi insanabili e riappacificazioni. Questo il menù servito anche sabato 27 gennaio in prima serata su Canale 5, preparato con sapienza da Maria De Filippi e dallo staff di C’è Posta per te. Scopriamo le storie più emozionanti e quelle più discusse della terza puntata del people show del sabato sera Mediaset.

Luca Argentero in soccorso di Arianna e della famiglia dei "Non detti"

Si parte subito dall’ospite più atteso della serata. Luca Argentero viene chiamato in suo aiuto da Arianna, una ragazza piemontese, per la madre e la sorella Alessia. La ragazza dice che la loro è la famiglia dei non detti, perché dalla morte del padre in casa non si parla più del dolore seguito a quella perdita, ma la ragazza sa che il dolore non si può chiudere in un cassetto e vorrebbe che le persone a cui vuole bene si aprissero con lei che ha anche un certo senso di colpa. Quando il papà si ammala, lei che è un’infermiera, capisce presto che non ce l’avrebbe fatta e lei chiede al medico di informare madre e sorella, pur sapendo già tutto e questo è il primo non detto, ne arriverà poi un altro e poi si moltiplicheranno dopo la morte del padre. "Se trovo mia madre con gli occhi gonfi vorrei che non si vergogni di dirmi che ha pianto e che, se viene da piangere a me possa dirglielo anch’io" spiega Arianna. Anche con la sorella non riesce più a condividere non solo il dolore, ma anche i bei ricordi con il padre. Quindi dice Arianna: "Quello che voglio è che la famiglia dei non-detti finisca questa sera e che ricominciamo a dirci le cose". In studio arrivano dunque la madre e la sorella, a cui Arianna parla a cuore aperto, chiedendo loro di abbattere i muri del silenzio che si sono alzati in casa perché, anche se il padre non c’è più, loro rimangono una bellissima famiglia.

Le parole intense della ragazza ovviamente commuovono la madre e la sorella e poi entra la "sorpresa": Luca Argentero con due mazzi di fiori. L’attore commenta subito questa commovente storia:"lo so bene, che per una famiglia piemontese le telecamere sono già una problematica", scherza. "Ci tenevo a dire una cosa ad Arianna: da papà ti dico che sarei molto orgoglioso di te come figlia, hai scritto una lettera importante e da piemontese ho annuito perché credo che nelle nostre famiglie piemontesi ci sia una certa forma di pudore. Io l’ho superata grazie al mio lavoro, ma mettersi a piangere di fronte a una troupe di sconosciuti è più facile che farlo con chi vogliamo bene. Ma è l’unica strada per mandare avanti questa bellissima famiglia. Non dire le cose è peggio che dire le cose che uno sente veramente, ed è la cosa più difficile".

E poi aggiunge altre parole per dare forza ad Arianna: "Da tanti anni ho a che fare con il vostro lavoro, (nei panni di Doc ndr), tu sei un’infermiera e io nella realtà non lo farei mai, perché avere a che fare con il dolore delle persone tutti i giorni è una cosa difficilissima, quando poi questa situazione riguarda te in prima persona è complicatissimo, quindi credo che non devi chiedere scusa di niente" rassicura l’attore e la madre e la sorella sono ovviamente, d’accordo. "Questa follia che ha fatto Arianna, deve essere il primo passo per rompere gli schemi", è l’augurio di Argentero a questa bella famiglia. Poi la busta si apre e le tre donne si stringono in un grande abbraccio.

Annamaria ritrova Gianni, il primo amore, dopo 65 anni

Torna nella terza puntata di C’è Posta per Te, uno dei classici della trasmissione. Il momento, sempre divertente e tenero, in cui la trasmissione aiuta signori di una certa età a ritrovare persone perse di vista, spesso amori giovanili.

Annamaria cerca Gianni, Enrica cerca Raimondo. Le due signore sono ormai in età. Annamaria aveva 15 anni quando in una vacanza sul lago conobbe Gianni con cui faceva passeggiate e un giorno, in una casetta sul lago si scambiava baci e si sono frequentati per 5 anni. Sono passati 65 anni, lei si è sposata, è rimasta vedova a 35 anni e da allora non ha avuto altri amori, quindi chiede aiuto a Maria De Filippi per trovare il suo Gianni. Con quel nome, cognome e di quell’età i postini di C’è Posta per Te ne trovano ben quarto, e il tentativo riuscito è proprio l’ultimo. Anche Enrica, grazie alla trasmissione ritrova il ragazzo conosciuto quando era adolescente che la salvò a Bordighera. La busta si apre e Annamaria e Gianni si perdono subito nei ricordi e sembrano entrambi veramente contenti di essersi ritrovati, mentre tutti gli altri Gianni e Raimondi, approfittano del momento per mandare saluti ai numerosi nipoti.

Maria De Filippi perde la pazienza con un padre indifferente alla figlia: "Lei è il risultato tuo e di tua moglie, di nessun altro!"

Tra le storie di famiglie dilaniate c’è quella che vede protagonista Martina, una ragazza di Trapani che non parla con il padre dal 2020. La ragazza è stata cresciuta dalla nonna, con il padre al lavoro in Germania, presto separato dalla madre. In Germania, Domenico, il padre, si è anche sposato con Debora e Martina viene a sapere solo a cose fatte di avere anche una sorellina. In occasione di un soggiorno di questa famiglia a Trapani scoppia una lite, e Martina finisce per minacciare Debora e il padre la offende, da quel momento non si sentono più. Arrivati in studio Domenico e Debora scoprono che li ha mandati a chiamare Martina. L’uomo appare rigidissimo, la moglie anche, l’uomo fa capire che non vuole più sapere nulla della figlia, praticamente, come già di fatto da anni. L’atteggiamento di chiusura davanti alla sofferenza di una ragazza con un passato difficile è talmente intransigente che, a un certo punto, Maria De Filippi sbotta. Martina, tra le lacrime, chiede scusa al padre, dicendo che gli manca e che "La Martina di una volta non c’è più", mentre il padre continua a dire che con lei è sempre stata tutta una lite, la conduttrice a quel punto gli dice, senza peli sulla lingua: "La Martina di una volta è il risultato tuo e di tua moglie, di nessun altro!". L’uomo non vuole aprire la busta, ma a sbloccare la situazione è Debora, a quel punto si decide a rivedere la figlia, e nel salutarli la conduttrice gli dice: "Mi dispiace se ti ho sgridato!"Lui si giustifica: "Avevo 23 anni, esperienza di padre zero" e poi il congedo finale: "Mi raccomando, non mi far pentire!"

Caterina, la mamma che chiede perdono al figlio: "Nessuno mi aveva insegnato come amare", Maria De Filippi fa del suo meglio

Una delle storie più intense e complicate della serata è sicuramente quella che vede protagonisti una madre e un figlio, entrambi con un bagaglio di dolore. Caterina ha un’infanzia difficile: a undici anni finisce in un istituto perché era scappata di casa, subisce violenze, finisce in casa famiglia poi esce, a 18 anni si innamora, si sposa, ha il primo figlio Francesco, ma dopo il divorzio, gli assistenti sociali affidano il bambino alla nonna materna. Lei sfrattata, torna a vivere con la madre, vede il bambino regolarmente e riprende in mano la sua vita. Quando vedeva il figlio chiedeva insistentemente al bambino se voleva tornare a vivere con lei, ma lui voleva stare dalla nonna. A un certo punto, lui ha 11 anni e lei si arrabbia perché non vuole vivere con lei e sparisce dalla vita del figlio. Poi la donna ha una seconda figlia, e a quel punto ripensa al figlio che non vede da tempo. Si è rivolta quindi a C’è Posta per Te per chiedere perdono al figlio, che oggi ha 18 anni, e dice: "Voglio chiedere scusa, ma nessuno mi aveva mai spiegato cosa voleva dire volere bene". Dopo la consegna della posta, Caterina è già in lacrime e dice: "Anche se non verrà continuerò a cercarlo per fargli capire che sono cambiata e che lui è parte del mio cuore". Il ragazzo arriva in studio, ma appena la busta si apre e vede la madre non vuole nemmeno farla parlare: "Ho visto abbastanza". Il ragazzo è comprensibilmente arrabbiato e ferito. Maria De Filippi si siede accanto a lui cercando di convincerlo almeno ad ascoltare cosa gli vuole dire la madre. Il ragazzo però, proprio non ce la fa, mentre la madre in lacrime, ribadisce che continuerà a cercare di recuperare il rapporto. A questo punto, c’è un colpo di scena: il ragazzo rientra in studio. La donna può ora parlare e tra le lacrime chiede "una possibilità" al figlio. La mamma ha portato con se un album di foto di lui da piccolo e si siede accanto al ragazzo e lo sfoglia insieme a lui. Il ragazzo sembra però irremovibile: "A me dispiace però, per me è finita così, non voglio avere più niente a che fare. Purtroppo per me la vita è stata troppo difficile. Io ci stavo male, non mi potevo concentrare, ogni volta che uscivamo, sempre liti parlava male dei miei nonni". La madre sottolinea: "Francesco, non mi arrendo". A questo punto però entra anche la nonna del ragazzo, la donna che l’ha cresciuto e Caterina si rivolge a lei ringraziandola. Nonostante il grande lavoro diplomatico della conduttrice, la busta rimane chiusa ma, come dice la De Filippi a Caterina: "Un passetto lo abbiamo fatto".


Potrebbe interessarti anche